lunedì 7 settembre 2015

Ispirazioni & co., n° 9.. I quattro Elementi : Dolcenera (la Sfida)


Bene... Sono stato ufficialmente sfidato.. Ma vi rendete conto? Un topetto che sfida un Lupo.. non solo un Lupo... un Lupo Mannaro... non c'e' piu' religione.... Una volta li tenevo fermi a terra con le zampe e li terrorizzavo... ora si ribellano... pure i topetti (non mi bastava la cicogna). 
Quindi sono andato in cantina (l'ufficio delle cose perdute) e ho tirato fuori l'ascia di guerra regalatami dal mio grande amico capo indiano Aquila Strinatopi ... Non sia mai che un lupo si tira indietro davanti ad una sfida... poi se la sfida la lancia una che si chiama Squitty... ho una reputazione da mantenere.. cosi... che sia.. 
Avevo giusto una mezz'ora di temp e ho buttato giu una cosina...  
Si l'argomento non e' dei piu' felici ma e' una storia assolutamente vera... 

                            ****** DOLCENERA******  







....Non ricordo precisamente da quando il tempo si stava portando da bellissime giornate estive a guaste giornate autunno/invernali... Ricordo che le previsioni che la tv dava erano di pioggia per le giornate successive.. ma tornando da una giornata di mare e guardando il cielo ci si metteva quasi a ridere. 
Il giorno dopo al mattino c'e' il sole e tutti a dire che quei belinoni (per i non addetti = ca22oni) della tv avevano toppato di nuovo, nel bar dove faccio colazione alla mattina non si parlava di altro... Il  tipo secco già con il bianchino nel bicchiere alle 07.00 di mattina, quando io a malapena riesco ad ingerire un pezzo di focaccia con un cappuccino, e' tutto esaltato oggi.. "ma che cavolo dicono al tg?? Cosi per spaventare la gente? Per pararsi il culo se casualmente ci azzeccano? "... tutto questo biascicando e cercando di non farsi scappare la dentiera dalla bocca... 
Ah iniziamo bene la giornata... se mi sputa la dentiera nel cappuccio questa mattina divento un serial killer.... per gli sputacchi mi sono gia organizzato ma il lancio della dentiera mi preoccupa seriamente... non si sa mai dove certi esseri dopati di vino riescono ad arrivare con una "esse" maldestra... Incrocio lo sguardo della ragazza al banco e le faccio segno che mi sposto fuori sui tavolini... sperando magari che venga anche lei fuori con me in quanto 1)già smaronata dal campione di lancio dello sputacchio  2) decisamente carina ... ma nulla... rimane ligia al dovere. 
Mi appoggio alla ringhiera e guardo il mare.. li a 20 metri da me... e' una bellissima giornata ma il mare non e'tranquillo... e' come se stesse covando qualcosa... Se vivi al mare, a contatto con il mare, impari a conoscere ogni sua minima sfumatura.... sai quando e' calmo se cambierà, ne impari a conoscere il rumore, quello del suo moto e quello quando l'onda si ritira trascinando con se le pietre della spiaggia... sai cosa sta pensando... sai quando crescerà e quando sarà in tempesta... l'odore dell' ARIA, l'odore del sale, se e' più intenso si va verso la tempesta.... Se quasi non lo senti arriva la bonaccia.... se lo senti più dolciastro l'umidità e' forte.... se ti "graffia" il naso con il suo odore il tempo sta girando al secco.... Il mare e' parte di chi ci vive vicino... un antico fratello che ci trasmette il ritmo.... Beh quella mattina la linea dell'orizzonte e i colori del mare non mi piacevano... quando vedi le correnti irregolari allora sai che qualcosa non va.... Ma finito il cappuccio me ne vado al lavoro e del mare per un po' mi dimentico.
La giornata scorre con i soliti ritmi... salitone da gran premio della montagna al mattino... pausa pranzo.... e il tempo gia sta cambiando... pomeriggio, strappo iniziale e poi discesa fino alla fine... Si esce... cavoli che vento.... e che ARIA pesante.... conosco bene questo odore... sta per piovere... E' incredibile come il vento ti predica il futuro... ti porta odori di qualcosa che ancora deve succedere..... Prendo la macchina ed esco dal porto.... ecco li... inizia a piovere.... goccioloni belli grossi che colpiscono il parabrezza della macchina spinti dalla forza del vento..... Sembra impossibile... c'era il sole fino ad un'ora fa... ora se guardo verso il mare vedo una massa di nuvole nere come la notte.... di colpo diventa quasi buio... e inizia a piovere.... Ma non una pioggia normale.... viene giù con l'intensità della grandine e con la stessa forza.... e' cosi fitta che con i tergicristalli al massimo non vedi quasi il cofano della macchina.... e il vento soffia cosi forte che ti sposta mentre vai....
Arrivo a casa, blindo tutte le finestre.... cena.... film... libro... nanna... Game over per oggi.
Piove tutta la notte... nello stesso modo... cosi forte da infastidire... e arriva la mattina…mi preparo ed esco per andare al lavoro... le strade paiono dei torrentelli di montagna... poco torrentelli e molto torrenti.... il primo segnale che qualcosa non va sono i cassonetti della spazzatura che iniziano a spostarsi per strada da quanta ACQUAscorre...... 
Arrivo in ufficio con la macchina che pareva praticamente un hovercraft. Una nuova giornata inizia ma si guarda tutti preoccupati al cielo... Si lavora e la giornata passa..... piove... ancora... non ha smesso un attimo... e la sera non si presenta nemmeno... si passa dal giorno alla notte... nera (NDR :ricordate questa parola)  come l'inferno... spessa come la nebbia. 
Per la strada si sentono sirene che corrono.... vigili... pompieri lanciati a delle velocità folli... Ma cosa sta succedendo?? Il cellulare che squilla mi strappa ai pensieri... "pronto?" " Ciao Ricky, sono Giuse. Dove sei? Ce la fai a passare dal negozio a darmi una mano? Qui si sta mettendo male"... " Giuse sono in centro ma qui e' un casino allucinante... Vengo sicuro ma non so dirti quando arrivo" "Ricky, porta la macchina a casa e vieni a piedi, fidati... qui e' una merda". 
Ok... Che cazzo succede?? Corro a casa mollo macchina e volo al negozio.... Volo... "Nuoto" fino al negozio di Giuse... 
Davanti al negozio, 20 mt ad occhio scorre il fiume principale che attraversa la città e scarica in mare.... Non il Tamigi ma almeno 50 mt di larghezza per una decina di profondità.... di solito porta poca acqua, paradiso di gabbiani e papere... ora e' incazzato come un torrente di montagna... ma con una portata d'acqua che fa spavento... e sale... ti guarda con occhi di sfida e si alza..... Quella sera si crea una coincidenza di cose che genera un disastro.... il mare durante la giornata e' diventato molto mosso spinto da un vento fenomenale... il fiume non riesce a scaricare in mare.... arriva giù come una treno ma il mare con la forza dei suoi cavalloni spinge in su... il tappo e' fatto.... La condanna scritta.... 
E' un attimo.. impercettibile attimo.... Siamo nel negozio che cerchiamo di mettere al sicuro la roba... Giuseppe e'un ottico... tra macchinari e occhiali ha un discreto valore in negozio.... io mi giro a guardare la strada... prendo Giuse per un braccio "Giuse... e' appena passata la tua macchina... credo fosse la tua.... Giuse e' passata una macchina che galleggiava... cazzo"... USciamo fuori... piove ancora forte... di colpo sentiamo come un boato lontano.... ed e' un attimo... il fiume supera gli argini e si riversa in città con la forza di una bomba.... inizia a raccogliere e spazzare via tutto quello che incontra... cassonetti, macchine, moto..... saracinesche dei negozi..... mi giro e vedo Giuse ad un metro da me con l'acqua e il fango alla cintura... io sono su un muretto.... salto nel fango e gli allungo la mano.... con non poca fatica lo tiro a me e fuori.... un attimo dopo una macchina sbatte esattamente nel punto dove era lui.... ci tremano le gambe.... la gente intorno urla,.... il rumore e' frastornante.... L'acqua continua a salire ed inevitabilmente ci prende e ci trascina... siamo a 2 metri di altezza dalla sede stradale... per fortuna che ci trascina per una 50na di metri e poi ci "perde" in una curva della strada... Terrore allo stato puro... ma siamo salvi... corriamo su per le scale e ci mettiamo al sicuro.... 
Quel giorno l'alluvione spazzerà via un quartiere intero e ucciderà un paio di persone trascinandole via....  una ragazza strappata via dal portone di casa verrà ritrovata dopo 4 giorni in Costa Azzurra… 



Durante la notte smette di piovere e il grosso dell'acqua si ritira.... Il giorno successivo il  paesaggio e' lunare.... non riesco nemmeno a descriverlo... la TERRA  portata via dalla pioggia e dalla piena dei fiumi e' diventata fango e ha ricoperto tutto con una spessa coltre.... Gente che aveva i negozi in quella zona e ha perso tutto... il negozio di Giuse? Sono rimasti i muri portanti... il resto? Spazzato letteralmente via.... gli ha staccato le mensole dai muri e le vetrine..... e per poco non spazza via pure me e lui.... 


Le persone guardano quello che rimane della loro vita in un silenzio "assordante"... 
Poi piano piano iniziano a spuntare gruppi di ragazzi, prima pochi alla volta in gruppetti da 2 o 3... poi altri un po'più numerosi... tutti vestiti con jeans, stivaloni e guanti... pale in mano... secchi.... e iniziano a spalare il fango davanti agli occhi commossi delle persone.... una scena meravigliosa, veramente da lacrime agli occhi.... Ragazzi che si facevano anche 20 km ogni giorno per venire a spalare.... in una settimana la città era nuovamente in piedi come se quasi non fosse successo nulla.... 







Il nome che si sono guadagnati e' ANGELI DEL FANGO... Solo il FUOCO della passione e dell'amore può scaldare i cuori a tal punto.. Cosi, da una terribile disgrazia si e' generato qualcosa di meraviglioso... Come poi succede ogni giorno alla TERRA che con ARIA, ACQUA e FUOCO regola la propria sopravvivenza... 
Come noi, che nell'anima abbiamo esattamente Aria(i pensieri), Terra (l'intelligenza), Acqua (l'immaginazione) e Fuoco (la Passione)......


Quello che e' successo era gia successo anni prima... nello stesso modo.... con la stessa forza... 
La canzone che trovate qui sotto l'ha scritta Faber ( Fabrizio De Andre ).. Nel video la canta dal vivo in un concerto e sotto trovate il testo (ho messo in neretto la traduzione del dialetto )  


  

  

Amìala ch'â l'arìa amìa cum'â l'é
amiala cum'â l'aria ch'â l'è lê ch'â l'è lê
amiala cum'â l'aria amìa amia cum'â l'è
amiala ch'â l'arìa amia ch'â l'è lê ch'â l'è lê

Guardala che arriva guarda com'è com'è
guardala come arriva guarda che è lei che è lei
guardala come arriva guarda guarda com'è
guardala che arriva che è lei che è lei 


nera che porta via che porta via la via
nera che non si vedeva da una vita intera così dolcenera nera
nera che picchia forte che butta giù le porte

nu l'è l'aegua ch'à fá baggiá
imbaggiâ imbaggiâ

Non è l'acqua che fa sbadigliare
(ma) chiudere porte e finestre chiudere porte e finestre 


nera di malasorte che ammazza e passa oltre
nera come la sfortuna che si fa la tana dove non c'è luna luna
nera di falde amare che passano le bare

âtru da stramûâ
â nu n'á â nu n'á

Altro da traslocare
non ne ha non ne ha


ma la moglie di Anselmo non lo deve sapere
ché è venuta per me
è arrivata da un'ora
e l'amore ha l'amore come solo argomento

e il tumulto del cielo ha sbagliato momento
acqua che non si aspetta altro che benedetta
acqua che porta male sale dalle scale sale senza sale sale
acqua che spacca il monte che affonda terra e ponte

nu l'è l'aaegua de 'na rammâ
'n calabà 'n calabà

Non è l'acqua di un colpo di pioggia
(ma) un gran casino un gran casino 


ma la moglie di Anselmo sta sognando del mare
quando ingorga gli anfratti si ritira e risale
e il lenzuolo si gonfia sul cavo dell'onda
e la lotta si fa scivolosa e profonda

amiala cum'â l'aria amìa cum'â l'è cum'â l'è
amiala cum'â l'aria amia ch'â l'è lê ch'â l'è lê

Guardala come arriva guarda com'è com'è
guardala come arriva guarda che è lei che è lei 


acqua di spilli fitti dal cielo e dai soffitti
acqua per fotografie per cercare i complici da maledire
acqua che stringe i fianchi tonnara di passanti

âtru da camallâ
â nu n'à â nu n'à

Altro da mettersi in spalla
non ne ha non ne ha 


oltre il muro dei vetri si risveglia la vita
che si prende per mano
a battaglia finita
come fa questo amore che dall'ansia di perdersi

ha avuto in un giorno la certezza di aversi
acqua che ha fatto sera che adesso si ritira
bassa sfila tra la gente come un innocente che non c'entra niente
fredda come un dolore Dolcenera senza cuore

atru de rebellâ
â nu n'à â nu n'à

Altro da trascinare
non ne ha non ne ha 


e la moglie di Anselmo sente l'acqua che scende
dai vestiti incollati da ogni gelo di pelle
nel suo tram scollegato da ogni distanza
nel bel mezzo del tempo che adesso le avanza

così fu quell'amore dal mancato finale
così splendido e vero da potervi ingannare

Amìala ch'â l'arìa amìa cum'â l'é
amiala cum'â l'aria ch'â l'è lê ch'â l'è lê
amiala cum'â l'aria amìa amia cum'â l'è
amiala ch'â l'arìa amia ch'â l'è lê ch'â l'è lê

Guardala che arriva guarda com'è com'è
guardala come arriva guarda che è lei che è lei
guardala come arriva guarda guarda com'è
guardala che arriva che è lei che è lei 
  

(Dolcenera – Fabrizio De Andrè – Anime Salve 1996) 



Il Lupo 

P.s. : E con questa dimostriamo alla SquiTopa che se il Lupo vuole ha cratività e coraggio da vendere... che non si ferma davanti ad una Topetta anche se graziosa, simpatica e poetica ... Ma comunque si inchina davanti alla creativita alla bravura e alla simpatia della FederTopa.. 

Con questo post partecipo ad Ispirazioni nr. 9...  





36 commenti:

  1. Mi dispiace quasi essere la prima a lasciare un commento ... ma passavo di qui e l'ho visto in diretta .....uno spaccato di vita mozzafiato. esperienze e dolore che tardano a lenirsi e ti lasciano sempre tanta amarezza ....un Lupo di mare che vive in una foresta bellissima ..... perdoni l'ardire ma se Lei ha intuito , ...io avevo avuto un grande fiuto .... grazie di questa preziosa testimonianza ...
    complimenti di cuore
    giusi

    RispondiElimina
  2. Giusi posso dirti senza nulla togliere agli altri/e che sono felice tu sia la prima a leggere? Sul serio... Ed ero curioso del tuo giudizio visto che sei sempre attenta e gentile ma anche diretta.... Sei una bella persona... Sento l odore :-)
    Grazie per le belle parole ( io adoro il prezzemolo )

    Il lupo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricky... Cuor di ...Lupo...le immagini di Genova e di questa tragedia mi hanno turbato parecchio ... come succede ogni qualvolta ogni volta che accada un evento così devastante .... e l'esempio di queste persone è stato fiero, impavido, veri Angeli feriti che ne hanno richiamati altri in aiuto... ma loro i primi ....
      Come noi, che nell'anima abbiamo esattamente Aria(i pensieri), Terra (l'intelligenza), Acqua (l'immaginazione) e Fuoco (la Passione)......
      questo pensiero me o scrivo ... è fantastico ...
      Non me ne vogliano gli altri ... ma questo il post più bello
      mi pare il10.... i numeri contano ....
      bevo il caffè e vado
      buona giornata

      Elimina
    2. @ GiusI : Sono un Lupo e devo cercare di tenere un contegno... ma tu mi hai fatto emozionare... veramente... le tue parole accarezzano il cuore.. .e sapere che qualcosa di "mio" ha colpito cosi non hai idea di come mi rende felice...e non sono parole di circostanza ma vibrazioni dell'anime e del cuore... Grazie... dal profondo!

      Elimina
  3. Emozione...mentre leggevo pensavo a quanti possono essere, nella vita di un uomo, i momenti "universali"...come questo.
    Le parole di questo post hanno un suono strano, quello della bellezza e della paura, della forza e della condanna. 10 e lode al post ma soprattutto GRAZIE per averci regalato l'Aria, la Terra, l'Acqua e il Fuoco di questa terribile esperienza.
    Un caro saluto Lupo... leggerti è un vero piacere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Pinkg : Regalare emozioni credo che sia la cosa piu' grande che si possa fare... non credevo pubblicando questa cosa che succedesse... sono stordito da tutte le belle parole che sto leggendo... .il mio Ego oggi cammina a 30 cm da terra.... Sei riuscita a coglierne il suono... non e' da tutti farlo.. ci vuole grande profondita di animo... e tu la hai... Sono felice di averti conosciuto, le belle persone mi scaldano l'anima... Grazie..

      Elimina
  4. Buongiorno Lupo, grazie per questo post bellissimo, da leggere tutto di un fiato che alla fine ti fa rimanere senza fiato e senza parole. Ha fatto benissimo Federica a sfidarti. Sono d'accordo con Pinkg ... emozione!!! E grazie anche per la canzone scritta da Faber.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Barbara : Faber rappresenta perfettamente quello che e' Genova.... la rappresentava almeno... ancora ora nei vicoli dove si aggirava suonano le sue canzoni... toccano l'anima... come i tuoi commenti toccano la mia... Sono felice delle emozioni che hai provato... e sono quasi stupito di essere riuscito a comunicartele cosi.... sono felice, parola che conosco molto poco ,,, un abbraccio grande

      Elimina
    2. Faber è uno dei miei cantautori preferiti. Il primo LP scelto e acquistato da me portava la sua firma. Ora però non mi fare arrossire, eh!

      Elimina
    3. Il rosso ti dona? :-) Sul serio Barbara, grazie.... non sai nemmeno quanto... tra te e tutte le altre oggi mi avete fatto un regalo enorme...

      Grazie :-)

      Il Lupo

      Elimina
  5. Stupendo! Emozionante!
    Bravo Lupo!

    Deve essere stata un'esperienza dolorosa e notevole. Qui, scappano i fiumi, lì c'è una lotta strenua tra acqua e acqua, tra fiumi e mare. Due titani,....
    Patricia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Patricia : E' stato qualcosa di devastante... visto purtroppo gia altre volte qui a Zena (Genova in dialetto)...nel 1969 ha spazzato via la città.. io ero appena nato ma jho visto le foto che mio papà fece all'epoca... e' ricapitato altre 6 o 7 volte.... e tutte le volte si stringe il cuore... come puoi notare ho aggiunto delle foto che ieri nella fretta di pubblicare avevo tralasciato... Due meravigliosi ma implacabili titani quando si scontrano... Grazie per le belle parole...

      Elimina
  6. Va bene, va bene .... fammi respirare, Lupo .... Riccardo, direi .....
    Fammi respirare, perché questo tuo post toglie il fiato.
    Non credo di avere parole sufficienti per esprimere quello che ho provato, leggendoti. Vedo che non sono l'unica. comunque.
    Che cuore sotto la pelliccia, lasciami un po' vedere ....allora non sei proprio quello che ti ostini a mostrarci ..... sinceramente, come la Giusi (quella con la I), ne ero certa. Bisogna sempre fidarsi dell'istinto, no? Del cuore.
    Genova .... città splendida .... ci sono stata alcune volte. Mi ha sorpreso, piacevolmente. Non me l'aspettavo così, davvero. L'ho amata subito, all'istante.
    Le vicende che tu hai descritto così bene sono cosa nota, purtroppo, ma credo sia difficile per noi che non siamo di lì, comprendere al 100%. Possiamo solo vagamente intuire.
    Sei riuscito a rendere in questo post lo sconcerto davanti a simili eventi, l'impotenza dell'uomo davanti alla natura., il dolore di una città.
    Il tuo dolore.
    La parte migliore del post, se mi consenti, è quella in cui descrivi il mare e il suo odore.Per me, che vivo in montagna, queste sfumature sarebbero impossibili da cogliere. Grazie, quindi, per la descrizione così perfetta.
    Grazie, soprattutto, di aver accettato la sfida, e di aver partecipato ad Ispirazioni&co.
    Sei uno di noi ormai.

    La Topetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Federica: innanzi tutto ti ringrazio per avermi portato qui... per avermi a tuo modo stuzzicato per essere qui... non credevo ma e' stato bellissimo scriverlo e meraviglioso vedere le Vs reazioni e leggere le Vs parole..
      Genova e' una città magica... che puo' apparire fredda e strana per chi non la conosce e per chi non ci si addentra... ma se la si vive e' una città con un cuore enorme... diffidente nel mostrarlo ma infinita se si apre...
      Quando vuoi tornare fammelo sapere cosi ti faro' da cicerone e ti/vi portero' a vedere la città vera, quella che il turismo solo intravede.. ci sono posti bellissimi nascosti tra l'abbraccio di questa città.
      Il fiato me lo togli tu con tutti i compimenti... :-)

      Elimina
    2. A questo punto proporrei di noleggiare un pullman e andiamo tutte a trovare il Lupo.
      Scontato che la cena la paga lui!!!

      Elimina
    3. Povero ... si sleura !!! io vado matta per il pesto ... trenette al pesto alla genovese... una bella focaccia di Recco .... sarà buona come la mia ?!!! ...... se non altro ... una bella carica di buonumore ....e ne serve ...

      Elimina
    4. E così, ci siamo giocate Il Lupo... ahahhaahahahahahahahha

      Elimina
    5. @FederTopa se venite a trovarmi ve la offro si la cena, sarà un piacere conoscervi ... Quindi organizzate!!

      Elimina
  7. @ Comari e non : un post per tutte, per abbracciarvi tutte perchè siete bellissime... sul serio... siete cosi vere che mi pare di parlare con ognuna di voi avendola davanti e non attraverso uno schermo... Ognuna di voi mi ha accarezzato il cuore oggi con le parole e con le emozioni che "sento" un po' perhe Lupo... un po' perche si leggono tra le vs parole... Sono felice di essere capitato qui e sono felice di aver incontrato un "branco" di meravigliose persone.. e tutte donne... un Lupo non puo' che sentirsi un Re in mezzo a donne come Voi... E vi assicuro che io non sono tipo da complimenti regalati... mi avete fatto crescere un po' oggi e per questo mi inchino a Voi...
    La mia casa e' sempre aperta.... Le chiavi le avete.. .ognuna di voi ha la sua personale.... vi aspetto.

    Il lupo

    RispondiElimina
  8. Testimonianza stupenda... Di certo triste, ma anche piena di speranza, forza e soprattutto fede negli esseri umani.

    Bellissimo post.

    Felice di conoscerti, Lupo.

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Maira: altrettanto felice di conoscere te e grazie per aver letto le mie parole... grazie per le tue di parole... oggi mi fate gongolare ;-)

      Un abbraccio

      Il Lupo

      Elimina
  9. grazie "Lupo di mare", mi hai hai morso e mi hai scosso, mi hai fatto male ma va bene così. Mi serve.
    lori

    RispondiElimina
  10. @ LaCincia Allegra : Il morso ci voleva per rendere l'idea del dolore... ma te l'ho dato piano piano... il male arriva dal senso del morso e non dal morso in se (spero !!)
    Felice di incontrarti e grazie per essere passata di qui... torna quando vuoi ..

    Il Lupo

    RispondiElimina
  11. Una descrizione dettagliata, non ho letto nemmeno una riga, ho visto un film! Tragico, la potenza e la forza dell'acqua che ti trascina...conosco quell'odore di fango, mi ha soltanto sfiorata ma ad ogni immagine ho rivissuto la paura che ho provato per le tante persone che amo.
    Non mi resta che dirti: grazie per aver condiviso con noi questa esperienza che credo rimarrà viva per sempre. Non è da tutti saper scrivere così.

    Grazie anche da parte mia per esserti unito a Ispirazioni&Co è un vero piacere averti tra noi, sei il pepe che mancava!

    Perdona il ritardo del mio commento ma sono giornate piene in questo periodo!|

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Rosy ..... il pepe che mancava!!!

      Elimina
  12. Buonasera, non so che aggiungere che altri non hanno già detto. Sono contenta di ritornare qui e trovare un bosco animato di gente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Margherita che piacere incontrarti di nuovo... non serve che tu aggiunga alto... già sono stordito da tutti questi complimenti.. L'importante e' che tu sia tornata a trovarmi... Fallo quando vuoi... sei la benvenuta..

      Un abbraccio

      Il Lupo

      Elimina
  13. Anche stasera immagini sconcertanti da Genova ....sempre colpita e il pensiero corre a voi .. mi auguro smetta presto

    RispondiElimina
  14. Giusi tranquilla.... per ora tutto sotto controllo... Noi che viviamo tra terra e mare siamo abituati a queste dimostrazioni di forza della natura... quando impareremo a rispettarle Lei smetterà di mostrarci la sua forza ...

    Grazie del post e del pensiero dolce GiusI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo! Smetterà di mostrare la sua forza solo quando ritorneremo a rispettarla.
      Marina

      Elimina
  15. ...sono senza parole. un post stratosferico.
    non sono mai stata a Genova, se non attraverso le immagini di tv e google. ma le sensazioni, solo intraviste attraverso i servizi al tg sulle disgrazie, adesso rimbombano a gran voce. grazie. scrivi in modo spettacolare Lupo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carla...WOW.... vuoi farmi rizzare il pelo con tutti sti complimenti? ;-) Un Lupo cotonato perde un sacco di fascino e poi a chi fa paura una palla di pelo??
      Grazie, di cuore.... se non sei mai stata a Genova mettila in agenda... e' una città "particolare" ma di un fascino incredibile... Genova è la Superba... non e' per tutti e non si mostra a tutti.... ci vuole una chiave di lettura particolare... Se vorrai saprai dove trovarmi :-)
      Chissa, magari, se e quando troverò' il tempo un tour virtuale di "Zena" ve lo potrei anche far fare :-)

      Dolce notte

      Il Lupo

      Elimina
    2. Ma che vuoi di più dalla vita, Lupo, è arrivata nella tana pure super Carla.
      Stai attento a lei, sai?
      E' un tornado!!!!

      Elimina

Ogni commento e' assolutamente gradito ma qualsiasi commento che possa offendere religione, razza e/o qualsiasi tipo di mancanza di rispetto non saranno assolutamente tollerati... Chi entra nella mia "dimora" deve rispettare il padrone di casa ed indistintamente tutti i suoi ospiti
Grazie
Il Lupo

>